In Questo Articolo:

Restauro di una cornice dorata

Esistono diversi tipi di doratura. Il più prezioso è la doratura con la foglia (d'oro) conosciuta come "con l'acqua" che è la tecnica dei doratori di professione. Non avventurarti lì. È riconosciuto dalle linee dorate più marcate della sovrapposizione delle foglie ogni 8 cm, visibili sulle parti usurate, più o meno rosse (il piatto). La doratura con la mescolanza (collage del foglio) è più conveniente per un fai-da-te informato. Infine, il commercio di doratura in cui dobbiamo preferire le cere perché brillano e girano più facilmente. Prenotate la doratura liquida in luoghi estremi e all'aperto.

Materiale necessario

  • Uova, aceto, battitore
  • Pennelli, pennelli fini
  • Pasta di legno
  • Abrasivo, sgorbia
  • Panno morbido
  • Doratura liquida
  • Doratura cerata
  • Vernice per invecchiare e cracker

I passaggi

  1. Manutenzione della doratura
  2. Ripristinare una cornice

Manutenzione della doratura

Manutenzione della doratura

1. I bianchi d'uovo sbattuti nell'aceto forniscono il miglior prodotto per la doratura. Conta circa due uova per un quarto di litro di aceto. Montare gli albumi nell'aceto fino ad ottenere un composto omogeneo.

Restauro di una cornice dorata: dorata

2. La miscela così ottenuta viene applicata a pennello. Presto vedrai la miscela scurirsi raccogliendo lo sporco. Questa tecnica è efficace per la doratura più comune, ma non è garantita per la doratura ad acqua, il cui grado di resistenza ai liquidi non è mai conosciuto. condizionato dalla vernice che lo copre. Ecco perché è importante essere in grado di identificarli. Se la doratura è uniforme, come su questa cornice, può resistere a questo trattamento. Nel caso di linee regolari sulla doratura, fare attenzione perché è la copertura di foglie, oro o rame. In caso di trasparenza rossa, più spesso o nero (sotto lamina d'argento), fare attenzione, è doratura con acqua e questo tipo di trattamento diventa molto rischioso per l'integrità del supporto, il liquido che rischia di diluire, non la foglia ma il suo supporto, il piatto.

Restauro di una cornice dorata: dorata

3. Vi sono in effetti diversi tipi di doratura. Il più semplice è una vernice dorata diffusa su un supporto. Possiamo anche nello stesso tipo di lavoro, essere alla presenza di una cera d'oro che ha il vantaggio di essere lucente, che dà un po 'più di sollievo e dona uno splendore relativo che dovrebbe essere rianimato nel tempo come per un mobile. La doratura della foglia (oro o rame) è la più professionale. Tranne che per essere specificato "oro fino, 18 o 24 carati", la foglia d'oro dei telai è una lamina di rame che può recare la menzione "semilavorato d'oro antico". La sua applicazione viene eseguita su un adesivo speciale chiamato "miscelazione" che lo fissa sul suo supporto. Come i precedenti, queste dorature possono sopportare (un po ') acqua e altri liquidi.

Restauro di una cornice dorata: doratura

4. La più bella opera di doratura è quella della vera foglia d'oro detta "doratura con acqua", praticata solo dai doratori professionisti. Queste sono le dorature di palazzi, chiese e ambienti museali. Questo lavoro viene eseguito su fondi appositamente preparati: diversi strati di "bianchi" (miscela di colla per pelle e gesso sottile (e non gesso), applicati a caldo e finemente levigati o ri-scolpiti in caso di motivi a rilievo Su questi bianchi innescati, il doratore esegue diversi passaggi di una specie di sottopelo di colore (ocra, rosso o nero secondo gli stili) chiamato "piatto". La sua composizione è parte dei segreti del laboratorio. per attirare e attaccare la foglia d'oro.
Per fare questo, il doratore "bagna" leggermente il piatto con un pennello speciale e depone delicatamente la foglia d'oro (80 x 80 mm e 10 micron di spessore) che viene aspirata dal piatto bagnato da dove nome di "doratura con acqua". A seconda delle esigenze del sito, questa lamina d'oro montata e asciugata può essere "brunita" con pietra d'agata, ovvero lucida come uno specchio ma solo su questi supporti appositamente preparati. Sotto il lenzuolo così trattato, possiamo vedere, come per trasparenza, il colore del piatto che conferisce alla doratura una profondità senza eguali.

Restauro di una cornice dorata: doratura

5. È fondamentale attendere la completa asciugatura della miscela per eseguire spazzolatura controllata. Finire con un panno morbido per ripristinare la brillantezza doratura. Non spazzolare la miscela prima che sia completamente asciutta, poiché potrebbe causare l'usura prematura della doratura.

Ripristinare una cornice

Ripristinare una cornice

1. Il restauro di una cornice dorata da parte di un buon tuttofare richiede l'uso di prodotti commerciali. Abbiamo selezionato qui pasta di legno speciale, vernice per patina (imitazione del piatto) e doratura (in cera e liquido).

Restauro di una cornice dorata: cornice

2. Il tuo primo lavoro sarà quello di riparare le schegge esistenti in "intonaco" (questo è in realtà un composto "sbiancato" di colla per pelle a gesso fine) e legno. Usa una pasta di legno speciale che, molto malleabile, è quasi come l'argilla da modellare. L'uso di un bastoncino piatto come "stick di gelato", rende i migliori servizi sia per l'applicazione della pasta che per la pre-modellazione delle decorazioni.

Restauro di una cornice dorata: cornice

3. Dopo aver asciugato completamente la pasta di legno, levigare accuratamente l'eccesso. Utilizzare un blocco di levigatura per parti piane. Per alcune parti dritte ma cave, una ferita abrasiva su una matita (o altro pezzo rotondo), di dimensioni adeguate, dà risultati eccellenti.

Restauro di una cornice dorata: restauro

4. Le scanalature vengono ricostituite usando una sgorbia di scultore di diametro (una dice "scalino") corrispondente alla loro dimensione. È lo stesso per la riparazione e la dimensione delle "perle" o "olive", spesso nel bordo interno dei telai. Lo schema della cornice qui mostrata è un po 'più complesso ma viene rifatto allo stesso modo. Questo lavoro può anche essere fatto usando una microperceuse che sarà equipaggiata con un buon set di fragole e mole.

Restauro di una cornice dorata: doratura

5. Se uno non è bravo in scultura, può essere implementata un'altra tecnica, quella dello stampaggio. Individua sul fotogramma un motivo identico a quello che devi ripetere. Oliare il motivo, quindi applicare un forte mastice di legno o un qualche tipo di argilla da modellare. Sformato, hai il tuo disegno nel cavo... Olia l'interno dello stampo e getti il ​​gesso (il più semplice) nello stampo a filo. Oliare i contorni del disegno da sostituire e una volta che l'intonaco è leggermente in superficie, posizionare lo stampo. Lascia che l'intonaco tiri poi sformato. Lascia asciugare. Hai la possibilità di finire nello spirito della patina del resto del telaio. La foto mostra il motivo stampato a rilievo colorato (a sinistra) e lo stampo intaglio

Restauro di una cornice dorata: restauro

6. Per ottenere una patina di fondo che imita (di gran lunga) il piatto di doratura con acqua, si dipinge la cornice interamente in rosso scuro. Questo colore, che darà bei riflessi sulla doratura, otterrà, con la cera d'oro, un interessante effetto patinato.

Restauro di una cornice dorata: doratura

7. Stendere la cera dorata con un panno senza sovraccaricarlo. Con un po 'di pratica, arriverete rapidamente al polpastrello che consente di migliorare
"Senti" e controlla la sua distribuzione.

Restauro di una cornice dorata: dorata

8. Qui si usa la doratura liquida con un pennello sottile per coprire le fessure del bordo interno del telaio. Ma, grazie all'effetto del piatto, si può essere soddisfatti di passare la cera lasciando visibile il rosso. Questo dà più sollievo. Lucidare con cura con un panno morbido, dodici ore dopo, in modo che la cera sia asciutta, per un aspetto più dorato, solo un'ora dopo se si desidera ottenere una patina maggiore.

Restauro di una cornice dorata: restauro

9. È anche possibile accentuare la patina di una cornice usando prima una vernice per invecchiare (ambra), poi una vernice per cracker (prima che il primo strato sia completamente asciutto, quando la vernice, poissant ancora leggermente, si dice "amanti").

(foto / immagini: © Les Éministes Ébénistes, tranne menzione speciale)

Restauro di una cornice dorata: cornice

Sullo stesso tema

  • Consigli di fai da te
    • Riparazione di un marmo a petto diviso
    • Incorniciare un'incisione con un passepartout
    • Incorniciare un'incisione con un tappetino e una smussatura
    • Inquadrare una tela

Questo potrebbe interessarti


Istruzioni Video: Restauro di una cornice dorata