In Questo Articolo:

Sto ristrutturando la casa che ho appena comprato. Si tratta di una casa costruita nel 1985 per gli operai di una centrale elettrica EDF così dotata di un periodo di riscaldamento elettrico ("tostapane"). Ho pianificato di rifare l'isolamento dei miei attici e di cambiare le finestre anche loro. Ecco la mia domanda: quale sarebbe la modalità di riscaldamento più interessante in termini di costi e comfort tra una stufa a pellet o stufe elettriche di ultima generazione (convezione + accumulo + radiazione)? Sapendo che la casa è su 3 livelli e che ci sono circa 100m2 da riscaldare. Ringraziandoti in anticipo per il tuo prezioso consiglio. Cordialmente, Jérémy

Per consigliarti, nella modalità di riscaldamento, sarebbe stato necessario per me conoscere la tua zona di residenza, perché le esigenze non sono le stesse in montagna come in Costa Azzurra. Tuttavia, hai ragione a pensare all'isolamento perché è un parametro fondamentale. Dovresti anche pensare all'isolamento delle pareti. Il vantaggio dell'ultima generazione di riscaldatori elettrici risiede nell'economia dell'installazione stessa (dato che dovrai solo sostituire gli elettrodomestici). Una singola stufa a pellet non sarà mai in grado di riscaldare da sola tre livelli di stanze. Una pompa di calore aria-aria (climatizzatore reversibile multispit) sarebbe anche una soluzione di consumo efficiente ed economica rispetto ai singoli apparecchi elettrici. Con questo pacchetto di lavoro realizzato e scegliendo una falegnameria adattata, sarete in grado di beneficiare del credito d'imposta.

Sullo stesso tema

  • Consigli di fai da te
    • Pompe di calore (P.A.C.)

Questo potrebbe interessarti


Istruzioni Video: Togliamo la STUFA A PELLET ? Stufa a Pellet contro Caldaia a Pellet