In Questo Articolo:

Il lavandino è l'attrezzatura della cucina più utilizzata. Tuttavia, la sua scelta spesso va oltre quella del piano di cottura e del piano di lavoro. Consigli pratici per scegliere quello che fa per te.

Cucina: scegli un lavello pratico e funzionale

Il lavandino è l'attrezzatura della cucina più utilizzata. Tuttavia, la sua scelta spesso va oltre quella del piano di cottura e del piano di lavoro. Consigli pratici per scegliere quello che fa per te.

Dove installarlo?

Un altro criterio da non trascurare: la sua posizione. Si tratta di pensare alla sua posizione nel "triangolo di attività" (schedulazione ideale) che costituisce con i poli di cottura e di stoccaggio (frigorifero, congelatore). Per evitare passaggi non necessari, pianifica di posizionare queste tre aree una vicina all'altra. Molti cuochi offrono assistenza (anche sul loro sito web) per determinare la migliore combinazione.

Il sink è l'elemento meno facile da spostare a causa delle sue connessioni idrauliche. Spesso è più comodo scegliere prima la posizione e quindi regolare il forno, il piano di cottura, il piano di cottura e il piano di lavoro.

Si noti che alcune soluzioni di risparmio di spazio, come il lavello d'angolo, possono essere scomode da usare.

Quale forma?

Se il lavello scelto non ha un vassoio antigoccia, prendi in considerazione l'aggiunta di uno (modello da chiedere) e se hai poca superficie disponibile sul piano di lavoro (modello da appendere). Fai attenzione, alcuni lavandini non sono reversibili: devi comprarli a seconda dell'orientamento del vassoio antigoccia, a destra oa sinistra dei contenitori.

• La tentazione è ottima per limitare l'ingombro scegliendo un modello a scomparto singolo o un serbatoio di una e mezza. Cerca sempre di sistemare due grandi scomparti, molto utili per l'uso. Le altre soluzioni devono essere riservate nei casi in cui il posto sarebbe davvero mancato.

• Un altro punto importante: la profondità del serbatoio. È direttamente correlato alla scelta dei rubinetti. La combinazione dei due partner dovrebbe consentire di lavare un grande forno olandese senza inondare la cucina. La profondità media dei serbatoi varia da 17 a 22 cm. Con il piatto, è meglio fornire un rubinetto con beccuccio alto o doccetta.

• Sono disponibili alcuni accessori, tra cui mobili e rimovibili: rispetto a una classica scolapiatti, la loro utilità rimane da dimostrare e i suoi pezzi di ricambio sono ancora conservati in cucina, già ingombro da piccoli elettrodomestici.

Solido, ben equipaggiato, facile da mantenere e al suo posto. Questi sono i criteri principali per la scelta di un lavandino. Resta da scegliere il materiale e il colore. La tavolozza è vasta! Una tabella comparativa ti aiuterà a vedere più chiaramente tra acciaio inossidabile, ceramica e materiali sintetici (vedi sotto).

• Per l'implementazione, di solito viene fornito un modello con il lavandino (modelli da incassare nel piano di lavoro). Quindi collegare semplicemente il lavello e il vassoio (sono fornite staffe di montaggio per questo scopo) e assicurare una tenuta perfetta con una schiuma sigillante autoadesiva pressata sotto il bordo del lavello.

Installato, incasso o integrato?

A seconda dell'estetica desiderata, è possibile scegliere tra tre tipi di lavelli: chiedere (ad esempio sui perni in muratura), incassare (in un piano di lavoro) e integrare (solo lavello e piano di lavoro un blocco).

Poste.

Il lavandino ha un bordo e si trova sopra i mobili. Questa è la versione classica dei vecchi lavandini, quando furono montati su due pareti in muratura, ben prima dell'invenzione della cucina. L'installazione e le connessioni sono semplici. Il fascino è certo ma tipizzato "rustico" o "industriale" a seconda della scelta del materiale (ceramica o acciaio inossidabile).

Incasso.

Il lavello è alloggiato in un'apertura nel piano di lavoro. Questo è il metodo di installazione più comune, adatto a tutti gli spessori delle lamiere anche nella loro versione recente (il "extralight" di soli 15 mm). Il lavandino viene posizionato su di esso, in questo caso trabocca un po 'o più in basso. È quindi a filo e non crea uno spessore extra rispetto al piano di lavoro.

Integrato.

Il lavello forma un pezzo unico con il piano di lavoro. Entrambi sono indissociabili. La formula è proposta per l'acciaio inossidabile e per i moduli di fascia alta in materiale sintetico. La difficoltà di installazione si riferisce a quella del piano di lavoro. Il sigillo è impeccabile, il design eccezionale. Ma impossibile cambiare il lavandino solo...

Quarzo, resina e pigmenti

Se il nome dei materiali sintetici varia in base ai segni e ai produttori, la loro composizione è spesso la stessa. Combina tra il 75 e l'80% di polvere e sabbia di quarzo, il 5% massimo di pigmenti (per il colore) e il 15-20% di resina. Questo è un polimero della famiglia di acrilati (acrilico) o polimetilmetacrilato (PMMA), i due nomi commerciali principali sono Lucite o Plexiglas.

Si noti che il quarzo, a volte chiamato granito, può essere sostituito da altri riempitivi minerali come l'allumina triidrato (ATH).

Un'altra categoria di lavelli sintetici è costituita da una fibra di vetro rivestita con resina. Questo processo consente di risparmiare materiale e peso, ma non offre la stessa durata (da 3 a 5 anni di garanzia).

Sul lato dello scarico

Un lavandino è sempre venduto con la sua discarica. Nel modo più semplice, hai la connessione, il sifone e una presa di corrente, completata da una griglia rimovibile.

Equipaggiamento un po 'più esclusivo vantaggio da uno svuotamento automatico controllato da un pulsante che ti impedisce di immergere le mani in acqua sporca. Ma questo non è un progresso: l'installazione è più complicata, con un cavo o una barra di trasmissione da regolare; lo svuotamento può essere molto lento, il che limita l'effetto della caccia nei tubi (in particolare il percorso orizzontale). Possono alla fine diventare inghiottiti. D'altra parte, se acquisti gli articoli separatamente, assicurati che il dissipatore scelto sia progettato per ricevere un dump automatico. Una normale ciotola di plastica, da svuotare dopo i piatti, porta lo stesso servizio, senza gli inconvenienti.

• Progettato per il drenaggio di liquidi, alcuni modelli dispongono di un piatto per salse, un mini-cestino con un rack per la raccolta dei rifiuti.

• Nei paesi anglosassoni, uno dei due cassonetti è sistematicamente dotato di una smerigliatrice per lavello (vedi riquadro a pagina 37). Questa attrezzatura è rara in Francia, dove di solito gettiamo la nostra spazzatura nella spazzatura piuttosto che nella fogna. Insistendo, il tuo rivenditore può offrirti. Il dispositivo è compatibile con qualsiasi tipo di lavandino.

• Se non c'è abbastanza spazio sotto il lavandino, pensa al sifone e alle connessioni extra piatte.

Buona idea: smerigliatrice per affondare

Buona idea: smerigliatrice per affondare

La smerigliatrice del lavandino limita la quantità di rifiuti alimentari immagazzinati in una cucina (lische di pesce, gusci d'uovo, pietre di frutta, fondi di caffè...). Facilita la loro eliminazione, specialmente durante la preparazione dei pasti e la conservazione della cucina.

Il suo principio:
Il sistema di macinazione converte i rifiuti (composti da circa l'80% di acqua) in particelle fini. Evacuati con acque reflue, possono essere assimilati dall'azione biologica degli impianti di depurazione o delle fosse settiche.

Ci sono macine compatte, silenziose e veloci da installare (dal tappo). La presenza di una smerigliatrice per lavelli non impedisce la produzione di compost in giardino (fare attenzione alle restrizioni per alcuni rifiuti: carne, pesce e prodotti caseari avanzati non possono essere compostati a causa dei rischi per la salute che presentano).

Foto: dotata di un motore a magnete (economico), si installa senza attrezzi. "Commodore Crusher", da 275 €.

Lavello: tre materiali sotto una lente d'ingrandimento

acciaio inossidabile
Affidabilità senza sorprese
ceramica
I classici rivisitati
materiale
sintesi

Il gusto del design
portata
dalla gamma

• Singola, asimmetrica o doppia ciotola, con o senza scolapiatti.

Forma rettangolare, quadrata o rotonda. Versione sottile per montaggio a filo (1,25 mm).

Modelli da appoggio, integrati o integrati nel piano di lavoro.

Disponibile come angolo cottura (lavello e piastre di cottura integrate). Finitura spazzolata, raso liscio o microrilievi (meno sensibili ai graffi).

• Singola, asimmetrica o doppia ciotola, con o senza scolapiatti.

Forma rettangolare, quadrata o rotonda. Versione di francobollo: bidoni per chiedere.

Modelli da chiedere o da incorporare. Colore più comune: bianco.

Disponibile anche in beige, ocra, rosso fiammato, marrone o nero. Finitura liscia o granito.

• Singola, asimmetrica o doppia ciotola, con o senza scolapiatti.

Forma rettangolare, quadrata o rotonda.

Modelli da appoggio, integrati o integrati nel piano di lavoro.

Ampia gamma di colori, principalmente bianco, beige, grigio, marrone o nero. Bel tocco.

Attuazione:
i punti
delicato

• Il lavello leggero in acciaio inossidabile è facile da maneggiare e regolare.

Attenzione, un rubinetto troppo pesante può deformarlo.

• Sia pesante che sensibile agli urti, questo lavello deve essere maneggiato con cura.

Il suo peso è un vantaggio dopo l'installazione: una volta sul posto, non si muove! Il taglio della pre-perforazione è a volte delicato.

Per pareggiare con la grattugia del legno.

• I tagli sono realizzati con una sega a tazza.

È meglio lasciare un po 'di spazio tra la rientranza e il lavandino (evitare di forzare durante l'installazione).

comportamento
da usare

• L'acciaio inossidabile è onnipresente nelle cucine professionali.

Offre prestazioni eccellenti in termini di resistenza agli urti e durata. Il suo comportamento elastico attenua il rischio di rottura. Inoltre, sgrassa molto facilmente. Ma la sua luminosità è offuscata dai primi passaggi di spugne abrasive.

• A parte gli urti, un lavabo in ceramica
(o l'arenaria smaltata, come le piastrelle) non teme nulla.

Resiste al calore, ai graffi, al grasso (specialmente se è liscio), ai tamponi abrasivi e ai detergenti più aggressivi. Non svanisce.

• La resistenza al calore è garantita solo fino a 250° C. Attenzione alle stufe e casseruole.

Non sostenere la fiamma. Può essere sensibile alle incrostazioni, macchie di grasso,
sbiadendo se posto di fronte a una finestra.

Il materiale sintetico smorza rumori e urti.

Primo premio *
Prezzo medio tasse incluse *
• Da 50 €.
• Da 200 a 400 €.
• Da € 80.
• Da 250 a 550 €.
• Da 60 €.
• Da 200 a 400 €.

• Controllare la qualità dell'acciaio inossidabile utilizzato (18/10 - cromo / nichel), la preforatura per il rubinetto, il sistema di fissaggio al piano di lavoro.

Garanzia da 5 a 15 anni a seconda della qualità.

• Garanzia da 5 a 15 anni a seconda della qualità.

• Garanzia da 5 a 7 anni.

L'aspetto della superficie si evolve: a lungo termine diventa opaco e difficile da mantenere pulito. Maggiore è la formula del carico minerale, migliore è la resistenza del lavello. Ma questa informazione è spesso complicata da ottenere nel punto vendita.

* Per un lavello a due scomparti standard, fornito con scarico manuale (scarico inferiore).

Resistenti, profondi, ben equipaggiati e di facile manutenzione, questi sono i criteri principali per la scelta di un lavello. Il materiale, il design e il colore fanno parte della decorazione della cucina.
A seconda delle dimensioni dell'utente, è consigliabile posizionare il lavandino tra 83 e 106 cm di altezza. Il fondo del serbatoio deve essere accessibile senza piegare la parte posteriore.

Cucina: scegli un lavello pratico e funzionale: lavello

L'acciaio inossidabile di alta qualità con un alto contenuto di cromo e nichel è inalterabile, sebbene possa essere ossidato da prodotti come la candeggina.
Una pulizia dell'aceto bianco ripristina il suo aspetto satinato. Attenzione, l'acciaio inossidabile è sensibile ai graffi: non usare il lavello come tagliere.

Cucina: scegli un lavello pratico e funzionale: lavello

Per preservare la luminosità di un lavandino in materiale sintetico, pulirlo dopo ogni utilizzo (qui nella versione "timbro della galea", da mettere su un mobile). Le macchie recalcitranti vengono rimosse fintanto che il materiale supporta l'uso di una spugna abrasiva.

Cucina: scegli un lavello pratico e funzionale: scegli

La ceramica o l'arenaria (lo stesso materiale) è estremamente resistente. Tuttavia, evitare shock termici, ad esempio, risciacquare l'olio bollente in acqua fredda.

Cucina: scegli un lavello pratico e funzionale: funzionale

Molto pratico, un lavandino con due contenitori può lavare piatti, utensili o biancheria piccola in uno, mentre risciacquando nell'altro. Se la tua cucina è abbastanza grande, non esitare a programmarla.

Cucina: scegli un lavello pratico e funzionale: pratico

Con un lavello a filo nella continuità del piano di lavoro, la finitura è impeccabile. Ma è necessario prendersi cura della tenuta stagna e della qualità della realizzazione: il divario più piccolo (shift) si blocca rapidamente.


Istruzioni Video: Lavello Cucina Nero con Doccia Estraibile Miscelatore Lavello Moderno KT0029C Hudson Reed