In Questo Articolo:

Gli elettrodomestici lasciati in modalità standby sono una parte importante del consumo energetico delle nostre case. I dispositivi di standby sono quindi molto costosi per le famiglie. In effetti, questo consumo passivo di elettricità rappresenta un aumento del 10% delle nostre bollette elettriche.

Dati sul consumo di energia dei dispositivi in ​​standby

Anche se lasciato in standby, dispositivi elettrici (computer, TV, lettore DVD, stereo, ecc.) consumare una quantità significativa di energia elettrica.

ADEME valuta spreco di energia a 300 kWh all'anno e per habitat. Questa è una forma di consumo passivo che aumenta la bolletta elettrica annuale di una famiglia del 10%.

Secondo il barometro AFP-Powemetrix, i dispositivi in ​​standby costano alle famiglie francesi 2 miliardi di euro. O l'equivalente di 8 lampadine accese non-stop per tutto l'anno.

Se tutte le famiglie francesi avessero spento i dispositivi in ​​standby, l'energia risparmiata sarebbe equivalente al consumo di elettricità di due grandi città come Lione e Nizza.

Standby: il consumo di elettricità è aumentato per 10 anni

Il numero di apparecchi elettrici rimasti in standby era certamente più ragionevole di 10 anni fa, ma il loro consumo era anche più alto.

Nonostante migliorare le prestazioni energetiche oggetti elettrici, il loro consumo energetico complessivo in standby continua ad aumentare.

Con l'arrivo di oggetti multimediali, ADEME conta tra 15 e 50 apparecchi elettrici presenti in ogni famiglia. L'aumento del consumo di elettricità è quindi del 30% in dieci anni.

L'Unione europea si pone l'obiettivo di ridurre questo consumo passivo 75% grazie alle nuove normative: ogni elettrodomestico deve ora consumare meno di 1-2 watts in modalità standby.

Gli apparecchi elettrici devono essere lasciati in standby

Il giorno prima e il conseguente consumo energetico a volte è inevitabile e ammonta a circa 80 watt per famiglia:

  • VMC (ventilazione meccanica controllata)
  • frigorifero in fase passiva
  • estrattore d'aria per la ventilazione di ambienti umidi (bagni, cucine e servizi igienici). Oggi i dispositivi obbligatori e inclusi nei piani di recenti costruzioni.

Nonostante queste tre eccezioni, il consumo passivo complessivo può ancora essere notevolmente ridotto dall'azione di tutti i consumatori.

Attenzione: si noti che un dispositivo fermo ma ancora connesso consuma anche elettricità passivamente.


Istruzioni Video: come ridurre il consumo elettrico senza sforzo! (da Report 25/10/2009)