In Questo Articolo:

La diagnosi delle prestazioni energetiche è un aiuto molto utile in caso di lavori di ristrutturazione sia per ridurre il suo consumo energetico (e quindi il suo impatto sull'ambiente) sia per migliorare il comfort della propria abitazione. Ecco le informazioni essenziali su questo documento da presentare in caso di vendita o locazione dal 2007.

Le termocamere possono rilevare la perdita di calore. Sono spesso usati come parte di un DPE

Le termocamere possono rilevare la perdita di calore. Sono spesso usati come parte di un DPE

Che cos'è la diagnosi delle prestazioni energetiche?

La diagnosi delle prestazioni energetiche o EPD consente al proprietario o inquilino di capire meglio il consumo della tua casa e stimare il suo costo.

Concretamente è un documento diviso in quattro parti:

  • Consumo annuale di abitazioniè espresso in kWh ed euro.
  • Posizionamento dell'alloggiamento in base a due criteri: il consumo di energia per metro quadrato all'anno e l'emissione di gas a effetto serra per metro quadrato all'anno.
  • La descrizione dei dati chiave dell'alloggiamento come l'isolamento e la costituzione delle pareti, del tetto, delle finestre; l'impianto di riscaldamento utilizzato, la presenza o l'assenza di aria condizionata, ecc...
  • Infine, modi per migliorare l'alloggio sono proposti per ridurre il consumo di energia e le emissioni di gas serra.

Il DPE è meglio conosciuto per la sua scala molto chiara.

Calcolo della scala della diagnosi delle prestazioni energetiche

Il calcolo delle diagnosi delle prestazioni energetiche differisce in base all'età dell'edificio: esistono due metodi diversi per i nuovi edifici e gli edifici già esistenti. Un terzo metodo consiste nel calcolare il DPE dalle bollette energetiche. Tutti questi metodi tengono conto di diversi criteri:

  • La modalità di energia utilizzata
  • La modalità di riscaldamento e produzione di acqua calda
  • Emettitori di calore utilizzati (riscaldamento a pavimento, radiatori, ecc.)
  • La presenza o l'assenza di aria condizionata, l'isolamento della custodia e la natura delle sue aperture (porte e finestre)
  • La superficie dell'alloggiamento
  • Il sistema di ventilazione utilizzato (naturale, VMC, doppio flusso, ecc.)

Secondo i suoi risultati, l'edificio è classificato in una scala che indica la sua posizione media in termini di consumo di energia e di emissioni di gas serra.

Dal 1° giugno 2013, il calcolo del DPE deve essere eseguito con un software convalidato dal Ministero dello Sviluppo Sostenibile. Tutte le diagnosi di prestazioni energetiche eseguite prima di questa data rimangono valide.


Istruzioni Video: Diagnosi energetica e prestazione energetica edifici