In Questo Articolo:

Progetta una cucina ergonomica

Quando si progetta una cucina dalla A alla Z, è importante guardare la sua ergonomia per ottenere lo spazio più funzionale possibile. In questo modo, creerai una stanza piacevole in cui vivere quotidianamente e che soddisferà le esigenze della tua casa, risparmiando il tempo massimo. È quindi fondamentale pensare ai diversi criteri di scelta, ma anche al tipo di implementazione desiderato, rispettando al contempo alcune semplici regole, ma essenziali.


Criteri di scelta e diverse fasi

Il tipo di layout della cucina.

La cucina deve essere fatta in base alle esigenze e al modo di vita degli abitanti della casa. Pertanto, le sue dimensioni e il suo design dipenderanno in parte dal numero di abitanti che compongono o costituiscono la casa e il tempo che si desidera trascorrere in questo spazio. Quindi, un amante della buona cucina dovrà fornire più spazio, immagazzinamento e elettrodomestici di un ventaglio di alimenti surgelati. Allo stesso modo, se si hanno bambini piccoli, è necessario pianificare l'intera installazione, ad esempio posizionando il forno in alto e bloccando alcuni armadi. La cucina deve anche essere pensata in base allo spazio disponibile e allo stile desiderato. In primo luogo, è necessario notare le dimensioni precise della stanza destinate ad accogliere la cucina, quindi notare i possibili vincoli come le porte e le finestre. In secondo luogo, elencherai tutti i piatti, gli utensili da cucina e gli elettrodomestici che hai a disposizione per fornire una conservazione adeguata.

Il tipo di layout della cucina

Il layout della cucina deve essere il più ottimizzato possibile a seconda dello spazio che hai. Pertanto, nel caso di una piccola stanza stretta, è preferibile l'installazione I. Qui tutti i mobili sono posizionati sullo stesso muro. Per guadagnare ancora più spazio, non esitare a moltiplicare i mobili alti. Per quanto riguarda le stanze con una larghezza di oltre 2,50 m, possono ospitare una cucina chiamata "parallela". Si raccomanda una distanza minima di 1,20 m tra le due file per un facile traffico. Qui i mobili sono posizionati contro due pareti offrendo così un massimo di spazio di lavoro e di stoccaggio.

Le cucine a forma di L occupano solo un angolo della stanza, lasciando spazio per una zona pranzo. Inoltre, ci sono raccordi angolari, appositamente progettati per ottimizzare lo stoccaggio. Infine, nelle camere di oltre 15 m², sono ammessi tutti i servizi, comprese le installazioni a forma di U, dove i mobili occupano tre pareti o anche un'isola centrale.

Il triangolo di attività

Le tre aree in una cucina

Quando si progetta una cucina, è meglio rispettare una divisione in tre zone: la zona di cottura (cucina o piano cottura, forno, cappa), la zona fredda (frigorifero e congelatore), la zona di lavaggio (lavandino e lavatrice). stoviglie). Per limitare l'avanti e indietro tra questi tre spazi, la disposizione di questi 3 poli deve formare un triangolo con lati tra 1,2 e 2,75 m. Inoltre, è essenziale fornire una zona di preparazione, preferibilmente da installare tra la zona di cottura e la zona di lavaggio. Per sapere che per cucinare comodamente, la larghezza della superficie di preparazione deve essere compresa tra 60 e 90 cm, idealmente 80 cm.

Infine, per progettare la cucina ideale, non esitate a utilizzare il software di progettazione tridimensionale, appositamente progettato per questo scopo, che è disponibile su Internet e in molti cuochi.


Istruzioni Video: Arredare con le cucine componibili #1 | Ergonomia