In Questo Articolo:

Nel contesto di una comproprietà, il trustee può chiedere ai comproprietari di pagare anticipi e accantonamenti in base ai termini e alle condizioni precedentemente fissati. Ecco i diversi pagamenti che potrebbero essere richiesti.

Definizione dei termini

Prima di tutto, e prima di entrare nel vivo del tema "Il pagamento di acconti e accantonamenti su oneri di comproprietà", è importante chiarire i termini "accuse", "anticipi" e "accantonamenti".

  • Le accuse sono le spese correnti incombenti sui comproprietari in base alla quota calcolata sul valore dei lotti di loro proprietà.
  • Accantonamenti per spese rappresentare lavoro non incluso nel budget stimato, come lavori di conservazione o attrezzature comuni esenti da manutenzione.
  • avanzamenti sono fondi destinati a costituire riserve in previsione del bilancio stimato votato in assemblea generale. In caso di vendita di un immobile, gli acconti saranno rimborsati dalla comproprietà mentre le disposizioni saranno rimborsate pro rata temporis dal compratore del lotto (articolo 6-2 del decreto del 17 marzo 1967).

Anticipi o capitale circolante in comproprietà

Questa quantità, che deve non superare 1/6 del budget stimato, è determinato dai regolamenti di comproprietà. Questa riserva di denaro può anche essere definita nel quadro di un'assemblea generale di comproprietà. La somma viene pagata dal trustee al momento della vendita della proprietà.

Accantonamenti per spese

Questo pagamento è uguale a Il 25% del budget stimato è stato votato. È destinato a spese corrispondenti al budget stimato. Il trustee può richiedere tale pagamento dal primo giorno del trimestre corrente (o un altro termine specificato come comproprietà AG).

Disposizioni per spese eccezionali

L'ammontare di queste spese è fissato durante l'assemblea generale dei comproprietari. È anche quest'ultimo che determina la data in cui è dovuta la somma in questione. Le spese incluse in questa categoria comprendono lavori destinati a mantenere o preservare l'edificio e interventi sull'attrezzatura (eccetto gli interventi inclusi nel contratto di manutenzione).

La disposizione per la salvaguardia degli edifici

Di fronte a una situazione urgente e di intraprendere lavori necessari per salvaguardare l'edificio, il trustee chiede una disposizione. La sua quantità non deve essere maggiore un terzo della stima del lavoro votata alla GA.

Disposizioni speciali per lavori futuri

Infine, occorre menzionare anche le disposizioni da includere opere che potrebbero diventare indispensabili entro un periodo di tre anni, ma la cui esecuzione non è stata ancora oggetto di una decisione. Spetta al trustee sottoporre la decisione sulle disposizioni all'AG della comproprietà. Deve farlo non appena viene designato e almeno una volta ogni 3 anni ai sensi dell'articolo 5, paragrafo 5 della legge del 10 luglio 1965.

In tutti i casi, è l'assemblea generale che decide come vengono raccolti i fondi raccolti e assegnati alla comproprietà.

Ulteriori informazioni sul lavoro in comproprietà e sulla raccolta di fondi.


Istruzioni Video: