In Questo Articolo:

La fatturazione delle tasse condominiali è divisa tra i diversi proprietari di una proprietà, in base alla quota di ciascuno. Se questo termine non è sempre ovvio da comprendere, il metodo di calcolo nascosto è ancora meno. Spiegazioni sulla quota dei comproprietari.

Qual è il tasso di comproprietà?

La quota di comproprietà è definita come la quota di superfici, servizi e attrezzature comuni di un complesso immobiliare attribuito a ciascun proprietario. Questo è più spesso espresso in registi o millesimie figura in lo stato della divisione allegato al regolamento interno di ciascuna comproprietà.
Se la quota serve come base per la distribuzione delle spese comuni, e quindi per determinare l'ammontare delle spese che incombono su ciascuna, stabilisce anche il proprio potere quando si vota all'assemblea generale dei comproprietari, vale a dire la numero di voti.

Come viene calcolato il tasso di comproprietà?

Ce ne sono diversi metodi di calcolo del contingente in comproprietà; possono spiegare che, con la stessa richiesta di fondi, a un comproprietario possono essere fatturate le spese con diverse royalties. Distinguiamo:

  • Per le spese generali: La condivisione si basa sul valore di ciascun lotto in relazione al valore complessivo del complesso immobiliare;
  • Per carichi speciali: La condivisione è una funzione del carattere di utilità del servizio o dell'attrezzatura comune nei confronti di ciascun lotto. Il calcolo può anche tenere conto della natura delle spese. Pertanto, per le spese relative a un ascensore che serve un edificio di 5 piani e che non fornisce l'accesso nel seminterrato, la quota sarà pari a zero per i proprietari del piano terra, mentre per gli altri potrebbe essere progressivo in base al piano in cui si trova la loro proprietà.

Caso concreto del calcolo degli oneri di comproprietà in base alla quota

Lotto A di un condominio che rappresenta il 99 / 1.000 del complesso, il suo proprietario dovrà pagare 9,9% delle spese comuni.
Pertanto, per un importo complessivo di spese pari a 2 970 euro, ad esempio, da dividere tra i diversi comproprietari, quello con il lotto A dovrà pagare 294,03 EUR.

Si può modificare la sua quota di comproprietà?

L'unico modo per cambiare la tua quota, e quindi la distribuzione tra tutti i comproprietari, è ottenere un voto unanime in Assemblea Generale. Se questa richiesta è anche intesa a contestare un errore di distribuzione, è in questo caso possibile andare in tribunale.


Istruzioni Video: Imu per separati e comproprietari di immobili: a chi spetta il pagamento?