In Questo Articolo:

Una casa si sta deteriorando con il tempo. L'acquisto di una vecchia casa porta inevitabilmente molte piccole e grandi riparazioni. Acquistando una vecchia casa, scopri come valutare il costo delle ristrutturazioni leggendo questo articolo.

Acquisto di una casa: valutazione del costo delle ristrutturazioni

Acquisto di una casa: valutazione del costo delle ristrutturazioni

Costo dei lavori in base alla ristrutturazione

Costo di un rinnovamento "standard"

Una vecchia casa acquistata anche in buone condizioni richiede qualche piccolo lavoro (rinfrescanti dipinti, sostituzione di un lavandino...)

  • Budget stimato: 100 € / m²

Può darsi che un elettricista non abbia controllato l'installazione elettrica della casa per diversi anni.

  • Budget stimato: 400 € / m²

Costo di un rinnovamento "pesante"

Potrebbe essere necessario intraprendere lavori strutturali (creare un'apertura, aggiungere una partizione, ecc.) O iniziare la completa ristrutturazione della casa.

  • Budget stimato: 1.000 € / m²

Nota: il prezzo di una casa da ristrutturare consente uno sconto dal 15% al ​​25%.

Come valutare il costo dei lavori di ristrutturazione?

Per stimare il costo dei lavori di ristrutturazione, è prima necessario stimarne l'importanza. Per questo, ricorda di consultare la tua diagnosi tecnica (DDT). Ti informa dello stato della proprietà, della sua prestazione energetica, del lavoro da fare per soddisfare i nuovi standard, ecc.

diagnostica:

  • portare
  • amianto
  • termiti
  • installazione interna di gas
  • rischi naturali e tecnologici
  • Performance energetica (EPD)
  • installazione elettrica interna
  • strutture igienico-sanitarie non collettive

Da notare: utilizzare i servizi di un professionista ti permetterà di valutare più da vicino le esigenze della tua casa in termini di lavoro.

Aiuto per la ristrutturazione di una vecchia casa

Esistono aiuti di Stato per ridurre i costi di ristrutturazione di una vecchia casa di recente acquisizione.

tra cui:

  • IVA a tariffa ridotta (5,5% invece del 19,6%) quando il lavoro è svolto da un'azienda.
  • Il credito d'imposta (dal 15% al ​​50%) acquisito in caso di investimento in attrezzature per il risparmio energetico (materiali isolanti, sistemi di riscaldamento efficienti...)
  • A tasso zero ecologico per l'isolamento termico e il lavoro di risparmio energetico.

Da notare: la concessione di tali aiuti è, tuttavia, subordinata al lavoro e al reddito della famiglia.


Istruzioni Video: Tre passaggi per valutare il costo di una ristrutturazione immobiliare